Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Paolo Sciortino

Il tombolo in piena estate ardeva di fuochi fatui e riflessi improvvisi, accecanti come epifanie di anime del Purgatorio. Gli occhi dell’artista, avvezzi a vedere dentro di sé lo spettacolare potere della luce e delle tenebre quando si mischiano nell’ingranaggio arcano della Creazione, primo e unico del suo tempo, sbalordivano nel baluginio caotico, allucinato e sfrenato delle sue ultime ore di vita.

La feluca, salpata da Napoli alla volta di Porto Ercole, aveva una missione segreta: porre in salvo, ancora una volta, per le grazie di un pontefice benevolo e, a suo modo, Egli devoto all’artista, lo spregiudicato (e anche pregiudicato) Michelangelo Merisi, nell’anno di grazia 1610, a 38 anni di età. Ancora giovane, il Caravaggio, almeno nel sentimento di oggi, ma anche cinque secoli fa una vita media fortunata avrebbe meritato quasi il doppio di quegli anni prima di estinguersi.

 

La copertina del libro L’ultimo respiro del corvo. L’omicidio Caravaggio di Silvia Brena e Lucio Salvini (Skira editore).

 

Invece l’uomo che approdava al promontorio dell’Argentario, ancorato alla terraferma da ormeggi di sabbia emersa, era stremato e in fin di vita, ormai…

Per l’articolo completo, abbonati alla nostra rivista.

Ti potrebbe interessare
ArteIN è un marchio di Napoleon srl, sede legale Via Aurelio Saffi 15, 25121 Brescia. Redazione: Via Giuseppe Di Vittorio 307 Sesto San Giovanni (Milano). PI/CF 04127660985. REA BS-590549. – Privacy PolicyCookie Policy