Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Alberto Mattia Martini

Natura protagonista tra presagi e sperimentazione

In questo periodo storico, forse come non mai prima, si discute di ambiente e molti governi nazionali, organizzazioni internazionali si stanno confrontando sull’annoso quesito, di come si potrebbe intervenire per attenuare gli anomali cambiamenti climatici causati dall’uomo e quindi tutelare la biodiversità.

Il Forum della democrazia, che si è svolto da poco a Strasburgo, ha appunto come tema, l’interrogativo: può la democrazia salvare l’ambiente?

Per ottenere un importante risultato, quando a partecipare al “gioco” si è in tanti, c’è bisogno di fare squadra, ossia tutti devono apportare il proprio contributo, crederci realmente, impegnarsi fino in fondo, mettersi a disposizione dell’altro, riducendo il proprio singolo interesse e remare tutti nella stessa direzione.

 

natura
Un Tappeto-Natura di Piero Gilardi, Orto ligure, poluretano espanso, 50×50.

 

Come spesso accade quando ci troviamo in difficoltà le risposte o comunque i suggerimenti e le indicazioni, potrebbero arrivarci da chi ha vissuto prima di noi o comunque fare riferimento a quel periodo storico, che è stato fondamentale proprio per la nascita di quella democrazia di cui sopra, purtroppo troppo spesso trascurata, se non addirittura annullata.

Il concetto di natura ha infatti origini molto remote, esattamente con i filosofi Presocratici, i quali si avvalgono del termine physis, per delineare quella natura infinita che è tutto, che occupa ogni parte dell’essere, dell’esistenza, l’insieme di ciò che esiste nell’universo, luce e vita. Questi filosofi quindi ci ricordano e ci fanno riflettere sull’idea che la natura è l’universalità, l’interezza di tutte le cose che esistono e quindi il principio, la vita, del mondo nel quale viviamo e grazie alla quale anche noi uomini esistiamo.

La sensibilità tuttavia non è una prerogativa esclusiva dei popoli antichi, e fortunatamente esistono gli artisti, che ci invitano a riflettere, ci sensibilizzano su alcuni temi, guardano con un raggio più ampio e spesso riescono anticipare i tempi, immaginando il futuro.

 

page11image11117504
Enrico Minguzzi, Del rumore e del silenzio, 2019, olio su resina epossidica su lino, cm 120×160.

 

Alcuni artisti più di altri hanno fatto dell’ambiente, spesso in rapporto con l’umano, il fulcro del loro lavoro; la forma primordiale e creatrice per eccellenza, quel senso di mistero, che li conduce attraverso una rappresentazione del reale-naturale e che successivamente consente loro di spingersi all’interno dell’immaginifico.

Questo è certamente il caso di Piero Gilardi, già protagonista del movimento dell’Arte Povera, da sempre sensibile a tematiche connesse al mondo naturale, nonché particolarmente impegnato in ambito sociale e politico.

L’arte di Gilardi si orienta ininterrottamente verso il concetto che si dirige all’analisi teorica e alla pratica della congiunzione “Arte Vita”, andando a volgere la sua sensibilità oltre le barriere estetiche, favorendo la creatività collettiva anche nei territori del pianeta considerati marginali e degradati.

I media e i linguaggi di cui Gilardi si avvale si identificano anche con la tecnologia, installazioni interattive multimediali e azioni performative, anche se probabilmente le sue opere più note sono i Tappeti natura, costituiti da poliuretano espanso, gommapiuma, che riproducono appunto piccoli lembi di natura.

 

page11image11373616
Enzo Fiore, Attesa, 2007, stampa lambda su alluminio, cm 135×110.

 

Un’analisi minuziosa e realistica del mondo naturale, che coinvolge ed attrae l’occhio del fruitore, ma al contempo ne denuncia la società industrializzata, globalizzata, sempre più “plastificata”, a discapito della primigenia essenza vitale.

La pittura di Enrico Minguzzi cammina e scorre come un equilibrista sulla fune, che divide la figurazione dall’astrazione. L’ambiente, i paesaggi, si “mescolano” e confondono volutamente con il pigmento divenendo un’unica narrazione, ai confini tra reale ed immaginifico.

La narrazione espressiva di Minguzzi prende forma dal reale, da luoghi realmente vissuti, che successivamente vengono reinterpretati e dipinti su tele di lino per mezzo del colore ad olio e della resina epossidica. Colori che divengono fluorescenti, come nell’ultima serie di opere, dove prendono forma, non solo paesaggi, ma anche nature morte “componenti di un ecosistema fantastico”.