Facebook
Twitter
LinkedIn
Redazione

Dal 16 marzo al 14 luglio 2024 Palazzo Buontalenti a Pistoia ospita ’60 POP ART ITALIA, un percorso a tappe che segue le capitali italiane dell’arte Pop raccontando questo determinante fenomeno internazionale attraverso i suoi maggiori esponenti, mostrando fattori comuni e differenze locali, in un dialogo che accoglie anche una tappa meno nota di questo viaggio: la “Scuola di Pistoia”.

Dopo l’esplosione calda dell’arte informale, gli anni Sessanta raccontano un ritorno all’ordine dove l’immagine iconica diventa soggetto e contesto per opere provocatorie e metropolitane. La grande mostra, realizzata a cura di Walter Guadagnini, offre al pubblico un selezionatissimo gruppo di 60 opere che delineano un panorama e che riassumono, attraverso passaggi capitali, le vicende della Pop Art in Italia.

Sono città come Roma, Milano, Torino, Venezia, Palermo e Pistoia, con le loro specifiche differenze, a creare un contesto culturale ricco di connessioni che aprono il paese Italia verso le più avanzate ricerche internazionali, sostenuto da gallerie e curatori (o meglio critici d’arte) che mettono in connessione gli artisti, che sviluppano dibattiti critici e che avvicinano il grande pubblico.

Si parte con la più celebre Scuola di Piazza del Popolo, capitanata dalla figura eroica di Mario Schifano, focalizzandosi su una esposizione eccezionale, un grande quadro relativo al murale che Claudio Cintoli realizzò all’interno del Piper club a Roma, iconico locale della capitale. Da qui il percorso passa per Pistoia, con opere di Roberto Barni, Umberto Buscioni, Adolfo Natalini e Gianni Ruffi, per la cosmopolita Milano, oscillante fra Nouveau Réalisme e ispirazioni londinese, fino ad arrivare a Torino e alle sue fondamentali influenze provenienti dalla leggendaria galleria Sonnanbend di New York e Parigi, che fanno scoprire all’Italia i lavori di Andy Warhol e Roy Lichtenstein.

Senza trascurare l’importante tappa di Palermo, è Venezia che pone un accento riassuntivo al percorso espositivo istituendo un parallelo concettuale, che evidenzia l’importanza della mostra, con la Biennale del 1964, evento che rese celebre in Europa il movimento Pop.

 

’60 POP ART ITALIA

16 marzo – 14 luglio 2024

Palazzo Buontalenti, Via de’ Rossi 7, Pistoia

www.pistoiamusei.it

@pistoiamusei

Immagine di copertina: Umberto Buscioni, Particolari, 1967, olio e smalto su tela, cm 71 x 83. Archivio Buscioni – Galleria Spazio A, Pistoia, ph. Camilla Maria Santini

 

Scopri qui i nuovi contenuti di ArteIn

Ti potrebbe interessare