Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Alessandra Redaelli

Quando Raffaello Sanzio muore nella notte tra il 5 e il 6 aprile del 1520, dopo dieci giorni di malattia e febbre, si spegne il mito e incomincia la leggenda, che lo vuole agonizzante sotto la grande tela della Trasfigurazione testé realizzata per il cardinale Giulio de’ Medici – ancora fresca – praticamente in odore di santità (suona strana a molti, tra l’altro, la perfetta coincidenza dell’ora del decesso con quella di Cristo: alle 3 del mattino di venerdì santo).

Sulla causa di quella morte, però, aleggia il mistero. La febbre alta che dall’oggi al domani lo costringe a letto, lo fa massacrare di salassi e poi lo uccide, da qualcuno è interpretata come malaria, da qualcun altro – si sussurra – come conseguenza di un avvelenamento. Sarà Vasari, però, a dare il suo sigillo a quella che diventerà la spiegazione più accreditata: eccessi amorosi. Bello, ricco e famoso, in effetti l’artista non fa fatica a incontrare il gusto delle donne. Cosa che gli piace parecchio. E anche il caso ci mette lo zampino…

 

Raffaello Sanzio, La Fornarina, 1520 ca., Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini, Roma.

 

Per leggere l’articolo completo, abbonati alla rivista.

Ti potrebbe interessare
ArteIN è un marchio di Napoleon srl, sede legale Via Aurelio Saffi 15, 25121 Brescia. Redazione: Via Giuseppe Di Vittorio 307 Sesto San Giovanni (Milano). PI/CF 04127660985. REA BS-590549. – Privacy PolicyCookie Policy