Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Paolo Sciortino

I musei alla prova del cambiamento.

Il futuro? Una galleria in ogni casa

Tutto andrà bene. Niente sarà più come prima. Vale la pena di ricordare i mantra dei primi mesi dell’Era Covid (di Era si tratta, non di una pioggerella passeggera), perché oggi, a quasi due anni ormai dall’avvento di Covid, possiamo farne un sincretismo: tutto andrà bene perché niente sarà più come prima. Prendiamo l’arte e i suoi derivati, e concentriamoci su uno di essi: i musei.

Di gallerie, collezionisti e tendenze abbiamo detto già, ancora diremo. Ma loro, i sacelli della fruizione collettiva del Bene e del Bello (anche se ogni tanto è osceno e ributtante), i ricoveri pubblici dei capolavori, le teche della sapienza e dello spirito destinate all’uso pubblico, come sono cambiati? Come cambieranno? Ogni cosa umana è in trasformazione oggi, una trasformazione certamente magnifica e progressiva, ma solo se ogni cosa abbandonerà un’abitudine, uno status quo ante quem, solo se vorrà superare sé stessa e portarsi oltre le barriere del progresso. Solo facendo il salto della quaglia ogni cosa umana migliorerà, adattandosi all’antropocene culturale incipiente, già manifesto e prossimo venturo.

Tanto vale pure per i musei, oggetti e soggetti dell’inchiesta presente, emblemi contemporanei della democrazia dell’arte da appena tre secoli. Dunque neonati, per la storia dell’uomo, e affetti oggi dalle malattie dell’infanzia. I luoghi della conservazione, della ricerca, dello studio e della trasmissione dell’arte sono rimasti chiusi per una grave flenigione, che ha ammorbato e tuttavia incrosta minacciosa i nostri destini. Ma da poco si sono riaperti i battenti, rientrano visitatori ancora sparuti, timorosi, consapevoli e cauti, ma vogliosi di stare ancora in compagnia del prodigio irrinunciabile dell’arte, antica, moderna e contemporanea. 

Michal Pudelka, Chiara Ferragni agli Uffizi, 2019, servizio fotografico realizzato per “Vogue Hong Kong”. Courtesy ©Vogue Hong Kong. La foto è esposta al Mart di Rovereto nella mostra Botticelli il suo tempo. E il nostro tempo, aperta fino al 26 Settembre.

In questa rassegna parlano i protagonisti, gli operatori, i fautori e i responsabili del nuovo corso che sta prendendo la storia dell’arte pubblica, tra entusiasmi revanscisti e reticenze sanitarie, suggestioni stravaganti e innovazioni ponderate, tra realismo e virtualismo, tradizione e rivoluzione, insomma. Una rivoluzione va fatta. Altrimenti nulla sarà come dovrà essere, dal momento che nulla è più come prima.

Ci sarà spazio per una mediazione tra il fisico e il virtuale? Sarà l’ibridazione del contatto tra lo spettatore e l’arte tale mediazione? A chi scrive queste note fa piacere condividere la speranza di un mondo migliore dove humanitas sarà alleata di technè, e insieme partoriranno le nuove virtù che abiteranno la Terra in armonia. I musei si stanno attrezzando al fine. Oggi si stanno facendo prove meritorie e probe di “delocalizzazione”, di “prossimità”, di “programmazione alternativa” e di “offerta alternativa della fruizione”. 

Forse, un giorno più pacifico dei presenti giorni, avremo un museo in ogni casa. E forse davvero, non dentro un monitor, ma dentro un androne.

musei

Continua a leggere l’inchiesta abbonandoti ad ArteIn.

Ti potrebbe interessare
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Relegata per decenni a fenomeno guardato con interesse ma sostanzialmente laterale, buono per spiriti liberi e vagamente eccentrici all’interno…
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Una nuova critica per la Crypto IVAN QUARONI Se ne è parlato e scritto molto. Il nuovo hype è…
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
I collezionisti italiani alla vera svolta del millennio. La pandemia genererà un nuovo gusto e nuovo mercato?   ANDREA…
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Il sistema è morto? E se sopravviverà, cosa cambierà dopo la pandemia? Rispondono quaranta tra artisti, critici e galleristi…
ArteIN è un marchio di Napoleon srl, sede legale Via Aurelio Saffi 15, 25121 Brescia. Redazione: Via Giuseppe Di Vittorio 307 Sesto San Giovanni (Milano). PI/CF 04127660985. REA BS-590549. – Privacy PolicyCookie Policy